Comitato Montemare Comune

NEWS! Referendum Montemare. Il Comitato si oppone all'accorpamento della consultazione alle amministrative stabilite per il prossimo del 12 giugno.

REFERENDUM MONTEMARE. IL COMITATO SI OPPONE ALL'ACCORPAMENTO DELLA CONSULTAZIONE ALLE AMMINISTRATIVE STABILITE PER IL PROSSIMO 12 GIUGNO.

Ancora una volta il Comitato è costretto ad intervenire formalmente, in modo fermo e deciso, in difesa ed a tutela del sacrosanto diritto dei cittadini di poter esercitare liberamente e senza alcun tipo di condizionamento partitico/politico la scelta su quale assetto istituzionale potrà avere il nostro territorio per il futuro.

E stata comunicata alla stampa, infatti, la notizia della decisione, presa a Palermo nei giorni scorsi, di accorpare il Referendum per la costituzione del nuovo Comune di Montemare alle elezioni amministrative che riuguardano la città di Messina, stabilite per la data del prossimo 12 giugno, insieme inoltre ad altri 5 referendum nazionali, un vero caos insomma, motivazionale e politico.

Davanti a questa assurda ed apocalittica visione, fra l'altro già rilevata ed evidenziata dai media locali, il Comitato Montemare Comune non poteva dunque tacere e rimanere inerme, con la certezza di veder svanire la possibilità di una vera e consapevole scelta da parte dei cittadini su un tema di così fondamentale e radicale importanza per il futuro del nostro territorio.

Alla luce di questo, è stata dunque inviata una formale richiesta, a firma del legale rappresentante del Comitato, l'Avv. Filippo Brianni, alla Regione Siciliana, al Commissario ad acta, dott. Vincenzo Raitano, ed al Commissario del Comune di Messina, Leonardo Santoro.

La richiesta formulata nella nota è, in sintesi, quella di fissare la consultazione referendaria per il Comune Montemare in una data diversa da quella già stabilita in precedenza per le elezioni amministrative cittadine per il prossimo 12 giugno.

Del resto, esiste una norma che esclude esplicitamente questa sovrapposizione, si tratta dell’art. 8 del decreto legislativo 267/2000 che, in ordine alle “consultazioni delle popolazione” e “referendum” per materie di “esclusiva competenza locale”, dispone che tali referendum “non possono avere luogo in coincidenza con operazioni elettorali provinciale, comunali e circoscrizionali”.

A parte questo, esistono altre e non meno importanti motivazioni tecniche e di opportunità che avvalorano e rendono necessario lo spostamento della data in cui tenere il Referendum Montemare, non ultima quella del concreto rischio di politicizzare indebitamente, quella che invece deve essere primariamente la libera scelta per una diversa futura prospettiva gestionale ed istituzionale del nostro territorio, sulla quale non deve pesare dunque alcun tipo di pressione, come invece sta già avvenendo, legandola strettamente alla campagna elettorale in corso.

Il resto delle considerazioni e delle motivazioni della richiesta sono contenute nella nota, allegata qui di seguito, inviata ieri via Pec ai soggetti istituzionali direttamente interessati. 

Montemare c'è...e soprattutto sarà...Comune Montemare!

 

 Il Comitato.

 

Ecco il testo della nota inviata dal Comitato Montemare alla Regione, al Commissario ad acta ed al Commissario comunale del 07 aprile 2022.